Bosnia Erzegovina,  Cultura,  News

Il Papagajka di Sarajevo

Storia e curiosità di uno degli edifici più insoliti della capitale bosniaca

Il Papagajka (pappagallo, in italiano) è uno degli edifici più strani e particolari di Sarajevo. Questo nome deriva, ovviamente, dai suoi colori inusuali: il giallo e il verde, infatti, ricordano il piumaggio del pappagallo.

La storia del Papagajka

La struttura è stata progettata dall’architetto Mladen Goraždena ed è stata realizzata nel 1982. Si tratta di uno degli ultimi edifici costruiti in epoca jugoslava ed è in parte influenzato dallo STILE BRUTALISTA.

Aldilà dei colori accesi, si differenzia dalle case limitrofe per la sua altezza (ben 7 piani) e per le sue linee. La costruzione, dunque, sembra voler creare una rottura netta con ciò che la circonda. Questa rottura, però, non è totale. Occhi attenti, infatti, ci hanno fatto notare che i serramenti richiamano quelli degli edifici adiacenti, creando uno spazio di dialogo.

All’interno del Papagajka, oltre alle abitazioni private, ci sono diverse attività commerciali: bar, centri massaggio e parrucchieri (con delle fantastiche insegne luminose a neon). Come si può vedere dalle foto, è stato recentemente ridipinto.

Dove si trova il Papagajka

Il palazzo si trova nel centro di Sarajevo, lungo la riva della Miljacka, non distante dal Ponte Latino, tra i quartieri di Skenderija e Bistrik.

L’indirizzo esatto è:
Hamdije Kreševljakovića
Sarajevo 71000

Impossibile non notarlo!

Curiosità

Nel 2016, il palazzo è stato la location di un film thriller che s’intitola, per l’appunto, Papagajka (The parrot). Il film è stato girato dalla regista australiana Emma Rozanski, con protagonista l’italiana Susanna Cappellaro.

Emma è arrivata a Sarajevo grazie alla scuola di cinema Film Factory fondata dal regista ungherese Béla Tarr.

Di recente sono stati realizzati anche dei nuovi murales e il Papagajka è stato sede del Sarajevo Street Art Festival.


I sarajevesi si dividono tra quelli che lo amano e quelli che lo odiano per il brutto impatto visivo.
E voi, che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *